La sede unitaria dell’Intelligence

L’Intelligence italiana ha la nuova sede unitaria nel quartiere dell’Esquilino, a Roma, inaugurata il 6 maggio 2019 dal Presidente del Consiglio e dal Vertice del Comparto, alla presenza del Presidente della Repubblica.

Un’istituzione moderna, un’architettura rinnovata, un quartiere protagonista. Una storia di tutti, una storia italiana.

L’inaugurazione della nuova sede della comunità intelligence costituisce un momento di rilevanza particolare per il Paese intero. È un evento che racchiude in sé il culmine di tre percorsi, snodatisi nell’arco di un decennio:

  1. Il principio di unitarietà, fra i criteri ispiratori della Legge 124 che, nel 2007, riformò radicalmente fisionomia, assetti e modus operandi degli Organismi informativi, trova attuazione in uno dei suoi aspetti cruciali. Vengono riuniti nel medesimo edificio gli Uffici di Vertice ed un’aliquota consistente del Comparto, così da propiziare ulteriormente le sinergie, la coesione e l’integrazione fra i tre Organismi, a beneficio della sicurezza nazionale, bene collettivo e costituzionalmente garantito.
  2. Giunge a compimento un cammino iniziato nel 2009, allorché la Presidenza del Consiglio dei Ministri acquisì in locazione il palazzo di proprietà della Cassa Depositi e Prestiti, sul cui impulso lo stesso venne edificato nei primi anni del secolo scorso, e grazie al cui impegno è adesso rivitalizzato.
  3. L’intervento di restauro ed ammodernamento, nella sua delicatezza e complessità, non si è limitato ad ottemperare alle norme architettoniche ed urbanistiche: svoltosi in una cornice di dialogo costante fra tutte le istituzioni interessate, ha pure permesso il recupero di informazioni significative su un prezioso sito archeologico. E  ad  essere  riqualificata non è soltanto la nuova sede dell’intelligence, ma anche l’area urbana circostante. La piazza, funzionale all’edificio sin dall’impianto originario, ridiviene un’area sicura, fruibile ed accogliente, ed il giardino è restituito agli abitanti del rione, con i quali è stato mantenuto, negli anni, un confronto assiduo, rispettoso e fruttuoso.

Invito
L’invito con smart card è stato realizzato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

La storia della sede

La sede unitaria dell’Intelligence è situata in un edificio costruito nel primo decennio del Novecento, subito dopo la Grande Guerra. Il palazzo è tradizionalmente attribuito all’architetto romano, di origine belga, Luigi Rolland (1852-1921). In realtà, nell’insieme si tratta di un lavoro collegiale dell’Ufficio speciale del Genio civile per i fabbricati governativi, e a operare sotto la direzione dell’ingegnere Amerigo Pullini sono un gruppo di professionisti, alcuni di ruolo altri come consulenti esterni (qual è Rolland, cui sono affidate la ‘carenatura’ architettonica e la direzione artistica dell’opera).

Il palazzo sorge nel clima positivo della formazione del nuovo Stato italiano per assolvere alle necessità amministrative dei servizi finanziari della Cassa depositi e prestiti, legata al ministero del Tesoro e alle Poste italiane che lo utilizzarono fino a non molti anni addietro.

Per maggiori informazioni sulla storia della sede si può consultare la pubblicazione Nelle segrete stanze. La nuova sede dell’Intelligence in piazza Dante a Roma (PDF 6,8 MB).

L’individuazione della sede

La struttura, di proprietà di Cassa Depositi e Prestiti, è stata individuata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle informazioni per la sicurezza – nell’agosto del 2008, con l’esigenza di concentrare le diverse articolazioni dislocate in vari sedi della Capitale. A distanza di un secolo dalla realizzazione, l’edificio – che mantiene l’iscrizione originaria nel fregio (“Casse di Risparmio Postali”) – dopo aver accolto le funzioni del ministero delle Comunicazioni postali con varie denominazioni, è finalmente rivitalizzato e portato a moderna e durevole funzionalità.

10 anni dall’ideazione

Dal 2008 al 2012 si è lavorato per definire i requisiti funzionali, per elaborare la  progettazione di un edificio efficiente, moderno e rispettoso della sua tradizione architettonica e dell’archeologia che è stata faticosamente repertata nel sottosuolo. I lavori sono stati svolti dal 2012 al 2019 (7 anni).

Quadro economico e lavori

La rifunzionalizzazione del Palazzo si è mantenuta all’interno del quadro economico stimato, sino al punto di ricomprendere anche le  spese  impreviste  derivanti  dagli imponenti scavi archeologici che hanno richiesto un tempo significativo. L’affidamento e la gestione dei lavori, effettuati da Cassa Depositi e Prestiti in collaborazione con il Comparto intelligence, ha visto un costante, ampio e corretto ricorso al mercato, nel doveroso contemperamento tra le esigenze di riservatezza e le scelte economicamente più vantaggiose per l’Amministrazione, senza incertezze nell’applicazione di norme e procedure.

La riqualificazione

Il progetto si è prefissato un prioritario obiettivo di riqualificazione generale, non solo del fabbricato ma anche del contesto urbano, in cui gioca un ruolo fondamentale la piazza-giardino antistante. Il giardino sarà restituito agli abitanti del quartiere con il ripristino delle attrezzature migliorate, e dell’arredo vegetale. La piazza, un’enclave verde tra gli isolati edilizi, potrà così essere fruita – e in parte già lo è grazie al ruolo propulsore della Presidenza del Consiglio – anche per la maggiore sicurezza dovuta alla presenza della sede stessa.

La struttura e le innovazioni

Le innovazioni, seppure di ampia portata, hanno rispettato le principali caratteristiche dell’edificio, esaltandone le potenzialità già evidenti, e tali da far ritenere fattibile l’adattamento. Le strutture sono state mantenute e rafforzate, sia nelle componenti orizzontali che nelle parti murarie, comprese le fondazioni la cui capacità è stata incrementata mediante una platea che ha permesso l’uso del seminterrato e la creazione di volumi utili per i dispositivi tecnici e le attrezzature.
Le superfici degli spazi interni sono state “placcate” con una tecnica che consente l’isolamento e il passaggio degli impianti, senza intaccare il vivo delle murature. Quando necessario, i grandi ambienti sono stati frazionati e isolati con tramezzature e controsoffitti di cartongesso per un adeguato isolamento termico e acustico, mantenendo una ragionata flessibilità per eventuali soluzioni distributive diverse. Scelta che ha facilitato l’impiantistica, costituendo un elemento essenziale e irrinunciabile dell’inserimento funzionale.

Modernità e tecnologia

La complessità progettuale è legata ad un cosiddetto “sistema dei sistemi”: più di 8.000 i sistemi operanti nella struttura. Diverse soluzioni strutturali e tecnologiche di avanguardia sono state calate dentro una struttura storica.

L’approccio tecnologico è stato curato per soddisfare le esigenze di una sede moderna (in considerazione di costi di esercizio e dispendio energetico), con specifiche richieste di sicurezza, compatibile progettualmente con le necessità di conservazione dell’edificio storico e la sua collocazione nel tessuto urbano. Un palazzo ecosostenibile, adeguato alle norme sismiche, con capacità di resistere e rimanere pienamente operativo anche in presenza di sisma con tempo di ritorno di 200 anni.

Piazza Dante in numeri

  • Il Palazzo ha sede al civico 25 di Piazza Dante
  • ben più di 1.000 gli operatori che vi possono operare all’interno
  • più di 2.000 chilometri di cavi in fibra ottica che innervano la struttura senza alterarne il volto architettonico. Una lunghezza paragonabile alla distanza fra Roma e Dublino
  • un quadrilatero di 100 metri per lato
  • più di 60.000 i metri quadri impiegabili, paragonabili a quasi dieci campi da calcio
  • più di 1.000 finestre d’affaccio.

La Parete della Memoria

Il Palazzo ospita una “Parete della Memoria” dedicata ai quattro Caduti del Comparto intelligence (PDF 188 kB) che hanno donato la propria vita per il compimento della missione: Vincenzo Li Causi, Nicola Calipari, Lorenzo D’Auria e Pietro Antonio Colazzo.

Riunendosi in una sede unitaria, l’Intelligence nazionale porta a compimento un lungo percorso: da oggi, anche nella percezione immediata della cittadinanza, è nitidamente una comunità, una struttura coesa, nella quale ogni componente lavora in armonia con le altre per perseguire un bene supremo, la Sicurezza Nazionale, che appartiene a tutti.

Un approdo, ed al contempo un punto di partenza. Non si sarebbe arrivati sin qui se il sacrificio estremo di quattro valorosi servitori dello Stato non avesse testimoniato che l’Intelligence, prima ancora che una istituzione irrinunciabile per tutelare e difendere le istituzioni democratiche e la sicurezza della Nazione, è un patrimonio di ideali, di valori, di virtù coltivate nella riservatezza. È tenacia nell’impegno, lealtà al servizio, dedizione nell’assolvere ai propri compiti, rigore nel non valicare mai il tracciato che la legge concede. È orgoglio del silenzio e coraggio individuale. Il Comparto ricorda i Caduti perché nei valori che li animarono risiede la linfa più genuina dalla quale trarre alimento per intraprendere, da oggi, un nuovo cammino: nuovo perché sempre diverse e più ardue saranno le sfide da fronteggiare, ma sempre uguale a sé nella fonte di ispirazione morale. “Perché il loro è un messaggio di vita e di speranza. Inchinandoci alla loro memoria, ci sentiamo incoraggiati a credere sino in fondo nella nostra missione, a guardare con fiducia ad un avvenire nel quale l’Intelligence, in sintonia con le aspirazioni, le aspettative, il sentire di tutti gli italiani, continuerà a non lesinare alcuno sforzo nel perseguire gli interessi fondamentali del Paese”.

La Parete della Memoria

La “Parete della Memoria” riporta la frase:
IN MEMORIA DEL SACRIFICIO DI CHI ALLA SUA VITA ANTEPOSE LA SUA PATRIA.
NEL RISPETTO DEL LORO ESEMPIO, LA LUCE PER IL NOSTRO CAMMINO.
NEI VALORI CHE HANNO INCARNATO, L’ESSENZA DEL BENE DELLA NAZIONE.
NELLA LORO TESTIMONIANZA DI VITA, LA SPERANZA PER IL NOSTRO FUTURO.

Su